Novità assoluta e-books PDF

Dimissioni in periodo di matrimonio

 

Per approfondire, consulta le nostre Guide in materia di dimissioni

 

Attraverso le dimissioni il lavoratore ha la possibilità di recedere unilateralmente (senza quindi chiedere ed ottenere il consenso del datore di lavoro) dal rapporto di lavoro.

 

Viste le conseguenze cui può portare l'atto di dimissioni (perdita dell'impiego) diventa importante verificare che lo stesso sia stato realmente voluto dal lavoratore.

 

A tale scopo il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento la procedura di conferma delle dimissioni, prevista a tutela della lavoratrice.

 

Le dimissioni rassegnate dalla lavoratrice nel periodo immediatamente successivo al suo matrimonio, infatti, devono essere confermate attraverso un'apposita procedura.

 

La procedura di conferma serve per verificare che le dimissioni sono state rassegnate liberamente dalla lavoratrice, vale a dire senza condizionamenti esterni.

 

Il legislatore dunque, avendo a mente il particolare stato di soggezione psicologica della lavoratrice in particolari circostanze della vita (quale è appunto quella del periodo di matrimonio), ha voluta tutelare quest'ultima di fronte a possibili forme di discriminazione e illegittime pressioni nella formazione della propria volontà, e lo ha fatto attraverso l'istituto della conferma delle dimissioni, finalizzato a garantire l'effettiva spontaneità delle dimissioni stesse.

 

Con la procedura di conferma, inoltre, viene conferita certezza alla data delle dimissioni, di modo che questa non possa essere contestata da nessuno.

 

La procedura di conferma è leggermente differente rispetto alla procedura di convalida prevista per la maggior parte dei dipendenti dimissionari.

 

La conferma va effettuata presso gli enti competenti entro termini determinati.

 

Se la lavoratrice non provvede a confermare le proprie dimissioni, viene invitata a farlo.

 

Indipendentemente dalla procedura di conferma, la lavoratrice che si dimette nel periodo immediatamente successivo al suo matrimonio deve prestare particolare attenzione alla forma ed alla modalità di comunicazione delle dimissioni.

 

Altrettanto importanti sono il contenuto della cosiddetta lettera di dimissioni ed il soggetto cui la stessa va presentata.

 

Avv. Francesco Barletta

www.licenziamento-dimissioni.it

 

 

Modello lettera di dimissioni in periodo di matrimonio

 

 

 

Spett.le ____________________

___________________________

___________________________

 

Luogo, data

 

Oggetto: dimissioni

 

Con la presente la sottoscritta ______________, trovandosi nella posizione indicata dall'art.35 del decreto legislativo 11 aprile 2006, n.198,

 

RASSEGNA

 

le proprie dimissioni dal lavoro.

 

Distinti saluti.

 

Firma

______________

 

Avv. Francesco Barletta

www.licenziamento-dimissioni.it

 

 

Modello dichiarazione di conferma delle dimissioni

 

 

 

Il/la sottoscritto/a ______________ dichiara di confermare le proprie dimissioni dal lavoro e di essere pervenuto/a alla decisione di dimettersi per libera scelta.

 

Luogo e data

 

Firma

______________

 

Avv. Francesco Barletta

www.licenziamento-dimissioni.it

 

Contribuisci anche tu a far crescere il sito!

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui principali social network.

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© licenziamento e dimissioni - Partita IVA: 01215350776